Frictional resistance exerted by different lingual and labial brackets: an in vitro study

Luca Lombardo, Weronika Wierusz, Dominique Toscano, Roberto Lapenta, Andrea Kaplan and Giuseppe Siciliani. In questo studio si indaga la resistenza frizionale esercitata da diversi brackets linguali e vestibolari sia convenzionali che self ligating. I fattori valutati e confrontati sono stati: l’ampiezza bracket/base, la misura dello slot, la distanza interbracket, e gli angoli di contatto critico…

Dettagli

Effect of lingual enamel sandblasting with aluminum oxide of different particle sizes in combination with phosphoric acid etching on indirect bonding of lingual brackets

Julissa Janet Robles-Ru ́ız; Ana Lidia Ciamponi; Igor Studart Medeiros; Lylian Kazumi Kanashiro (Angle Orthodontist, Vol 84, No 6, 2014)   L’obiettivo di questo studio è stato confrontare la tensione di legame e il punto di fallimento del legame dei brackets linguali bondati dopo la sabbiatura dello smalto linguale con particelle di ossido di alluminio…

Dettagli

Accidental debondings: Buccal vs fully individualized lingual multibracket appliances

Thomas Ziebura, Ariane Hohoff, Stefanie Flieger, and Thomas Stamm (Am J Orthod Dentofacial Orthop 2014;145:649-54)   Lo scopo di questo studio retrospettivo è stato valutare la frequenza e la localizzazione del fallimento del bonding nei pazienti trattati con apparecchi linguali (TOP-Service fur Lingualtechnik GmbH, a 3M Company, Bad Essen, Germany) o vestibolari (Mini Diamond brackets/Accent…

Dettagli

Debonding forces of three different customized bases of a lingual bracket system

Jang-Won Sung, Tae-Yub Kwon, Hee-Moon Kyung (Korean J Orthod. 2013 Oct;43(5):235-41)   Lo scopo di questo studio è stato indagare se l’estensione delle basi customizzate degli attacchi linguali influisca sulla tensione di legame. Sono state messe a confronto le forze di debonding e le forze adesive residue di tre differenti sistemi di bracket linguali. 42…

Dettagli

Optimum force system for intrusion and extrusion of maxillary central incisor in labial and lingual orthodontics

Abhishek M. Thote, Rashmi V. Uddanwadiker, Krishna Sharma, Sunita Shrivastava (Comput Biol Med. 2015 Dec 29;69:112-119.)   L’obiettivo di questo studio è stato individuare un sistema di forze ottimale per l’intrusione e l’estrusione dell’incisivo centrale mascellare confrontando gli effetti del posizionamento del bracket a differenti altezze dal margine incisale in ortodonzia linguale e vestibolare. Per ottenere…

Dettagli

Treatment of Class III malocclusions in adults using the Incognito(®) lingual technique.

Galletti C, Fauquet-Roure C, Raybaud P (Int Orthod. 2010 Sep;8(3):227-52.) Il trattamento delle classi III nei pazienti adulti richiede spesso un intervento chirurgico, ma nei casi di gravità moderata è possibile effettuare un compenso dentoalveolare con delle estrazioni, elastici di classe III o utilizzo di miniviti. In questo case report vengono mostrate tre tipologie di trattamento…

Dettagli

Computer-Aided Designing and Manufacturing of
 Lingual Fixed Orthodontic Appliance Using 2D/3D Registration Software and Rapid Prototyping

Soon-Yong Kwon, Yong Kim, Hyo-Won Ahn, Ki-Beom Kim, Kyu-Rhim Chung, and Seong-Hun Kim (Sunny) (International Journal of Dentistry Volume 2014:164164. Epub 2014 May 11)   Le novità nei sistemi di imaging digitale e nella tecnologia CAD/CAM hanno consentito nuove opportunità in ambito ortodontico. La scansione 3D delle arcate unita alla CBCT può essere utile sia…

Dettagli

Use of Palatal Miniscrew Anchorage and Lingual Multi-Bracket Appliances to Enhance Efficiency of Molar Scissors-Bite Correction

Nagato Tamamura; Shingo Kuroda; Yasuyo Sugawara; Teruko Takano-Yamamoto; Takashi Yamashiro (Angle Orthodontist, Vol 79, No 3, 2009)   Questo case report mostra la correzione di uno scissor bite molare con l’uso combinato di una minivite palatale e un apparecchio linguale con un bite plane. La paziente aveva 17 anni e presentava un profilo biprotruso e…

Dettagli

Traitement en technique linguale d’un cas de béance antérieure

Ricardo GALLARDO (Orthod Fr 2015;86:151–160 )   In questo case report viene presentato il trattamento di una classe II scheletrica e dentale iperdivergente con un morso aperto anteriore. Secondo gli autori la difficoltà principale nell’affrontare questo caso è stata il controllo del torque degli incisivi, aspetto critico della biomeccanica linguale. La paziente era un’adulta che…

Dettagli